A voce alta: “Ricorda” di Alekos Panagulis

Strenuo oppositore della Dittatura dei Colonnelli, in Grecia, Alekos Panagulis ha sempre ricercato, con la sua azione politica e poetica, l’esaltazione della libertà e la condanna, anche fisica, della dittatura e dell’oppressione, pagando le sue azioni con il terribile incarceramento nella prigione di Boiati. Oggi, #avocealta, il suo inno Ricorda, per un risveglio delle coscienze e una condanna dell’accidia più virulenta.

I ragazzini salveranno il mondo.

Olga ha portato la Costituzione russa e si è seduta sull’asfalto. Ad alta voce, tutta, l’ha letta; davanti a lei, quelle forze armate che sabato 27 luglio hanno arrestato a Mosca chi protestava contro l’esclusione di oppositori politici dalle elezioni comunali in programma l’8 settembre prossimo.

Le Carte Costituzionali vanno difese: sono l’unico baluardo al prepotente ritorno delle dittature, che già ci sono, ma subdole e striscianti. E riescono a convincere molt* di essere la soluzione.

Resistiamo, no pasarán!